Speciale!


Roba per lettori veri

21 Dec 2010 in news (ita) | questo post è lungo 541 parole

Il vicino responsabile Consueto appuntamento bisettimanale in cui presento le nuove uscite e cerco di spiegare perchè le ho scelte. Come al solito, prendetela con beneficio di inventario: in fondo è l'oste che parla del suo vino.

Arrivo un po' in ritardo, questa volta, perchè i nuovi titoli sono usciti sabato e Il Deposito è già in classifica su Bookrepublic. Ma vale la pena lo stesso spendere due parole sulle nuove uscite perchè, in modi diversi, sono testi cui teniamo particolarmente.

Partiamo dal facile. Il Vicino Responsabile è il secondo titolo di Jacob Appel che pubblichiamo, dopo Radiazione che -non a caso- è stata la novelette con cui abbiamo lanciato 40k. Radiazione - Jacob AppelA dispetto delelle menzioni e dei premi vinti, Appel è quasi sicuramente più noto per il suo impegno nella bioetica (i suoi pezzi sull'Huffington Post hanno spesso una grande eco) e in Italia siamo stati i primi a tradurlo. Ne siamo molto felici perchè finora tutti quelli che l'hanno letto hanno condensato il loro giudizio in un aggettivo (qualcosa di simile a «fantastico»). La sua literary fiction è veloce, capace di raccontare con leggerezza temi importanti e di tratteggiare dei personaggi con una maestria rara. Ora, rileggi il disclaimer qui sopra sull'oste e il vino e prendi le dovute misure, però ecco, Appel è una lettura che merita. Uno dei narratori da non perdere.

Il Deposito

Il Deposito ha bisogno persino di un secondo disclaimer che deve aggiungersi a quello dell'oste e del vino.  Con Alessandro (che qualche anno fa è stato finalista al Campiello con Il Signor Figlio) siamo amici da tanto tempo e una decina di anni fa ci divertimmo a fare un esperimento un po' ai limiti del bon ton letterario: chiedemmo a dieci scrittori italiani (tra cui Dario Voltolini, Raul Montanari ed Ernesto Franco, all'epoca direttore editoriale di Einaudi) di riscrivere dei racconti di Julio Cortàzar. Il volume che ne risultò si intitolava Racconti rubati ed è introvabile. Ma se riesco vorrei provare a recuperarne qualcosa per 40k, come ad esempio la riscrittura de _Le bave del diavolo _che fece Matteo Galiazzo.

Il Deposito rovescia completamente la prospettiva della transizione editoriale cui stiamo assistendo. Alessandro immagina un mondo in cui i libri di carta (un po' come il fumo delle sigarette o gli scarichi delle automobili) sono culturalmente diventati impopolari perchè portatori di inquinamento e di malattia. I volumi di carta vengono così confinati in strutture appositamente progettate. E il racconto inizia con un uomo che si avventura dentro uno di questi misteriosi depositi in cui i libri diventano componenente architettonica e viva.

Dalle Parole al CervelloSempre in tema profondamente bibliofilo, il saggio di Livia Blackburne esplora quello che le neuroscienze sanno della lettura o, per dirla da un altro punto di vista, racconta la scrittura creativa esaminata attraverso il modo in cui il nostro cervello elabora gli escamotage narrativi. Livia, giovanissima, si divide tra gli studi al MIT di Boston e la passione per lo storytelling.

Dalle Parole al Cervello è il suo primo saggio e noi siamo orgogliosi di averla in squadra. Non farti spaventare da fantasmi ermetici: una delle qualità di Livia è la capacità di spiegarsi in modo avvincente anche per chi non è un suo collega al MIT.

comments powered by Disqus