Speciale!


Il percorso dei grandi personaggi

16 Jan 2011 in news (ita) | questo post è lungo 380 parole

Il vicino responsabileRadiazione - Jacob AppelCi sono storie in cui trovi personaggi che ti rimangono dentro, scolpiti con quella maestria che te li fa sembrare veri.

Il nostro non è più il tempo degli eroi, ma di quell'umanità talmente profonda e fatta di limiti che non possiamo ignorare. E nelle due novelette di Jacob Appel (Radiazione e Il Vicino Responsabile) è una battaglia tra forze opposte. Due storie, due coppie di personaggi inquieti, straordinari. Ed è sempre difficile scegliere se preferire lui o lei.  O l'altro. Così come è difficile capire, tra debolezze e forza d'animo, in chi ci riconosciamo di più.

Il panchinaro - Mike Resnick, Lezli RobynInvece è un gigante il vecchio signor Paloobi. Lui, da solo, vale la storia. Mike Resnick, uno che è accreditato come il più premiato (tra i morti e tra i viventi) per la narrativa breve, ci ha messo dentro tutto il suo talento.

«È una storia poetica popolata dai sogni dei bambini, una storia di mondi fantastici e principesse con vestiti troppo stretti», scrive Giulia. E, a giudicare dai racconti di chi l'ha letto, Il Panchinaro potrebbe non essere adatto a tutti, almeno a chi non vuole rinunciare alla freddezza. Non iniziarlo, se non sei pronto a commuoverti.

Kristine Kathryn Rusch - Tranne la musicaKristine Rusch (altra autrice abituata a finire nei _Best Of _americani) disegna con sofisticata eleganza un musicista alle prese con la sua vita personale e con l'ispirazione. Interpretando meravigliosamente la prima lezione del realismo magico, incarna la metafora in un personaggio,  la _musa _in una donna (un fantasma?), e ci fa vivere -con una trama serrata- la relazione di un uomo con una parte di sè che ha perso di vista.

Se ti piacciono le narrazioni raffinate, Tranne la Musica potrebbe essere una storia che fa per te.

Il Bisturi NapoletanoCon Il Bisturi Napoletano, invece, devi prepararti ad un confronto molto forte con l'idea del corpo, doppio e deforme. Il protagonista maschile, la voce narrante, ha una sua grandezza. Ma c'è un personaggio femminile, che on realtà è _ _due personaggi femminili, che non appare quasi mai ma costruisce un'immagine vivida, espressiva con decisione.

E sullo sfondo, tra bombe, attentati e personaggi deformi, c'è la storia dell'Italia che si unisce.

(percorso alternativo: Munizioni per la tua vita creativa)

comments powered by Disqus