Speciale!


I boschi sacri della letteratura, visti da Ursula K. Le Guin

26 Jun 2012 in idee trovate in giro | questo post è lungo 167 parole

"I dipartimenti di letteratura inglese nelle università hanno da tempo abbandonato la difesa delle loro torri d'avorio da ogni navicella spaziale che gli si avvicinava. I critici sono ancora più consapevoli che moltissimo, in letteratura, sta accadendo al di fuori dei boschi sacri del realismo modernista. Ma la contrapposizione tra letteratura e genere persiste e finché sarà così le false categorie di giudizio vi rimarranno attaccate, con la falsa contrapposizione tra letture virtuose e colpevoli.

Per sciogliere questo noioso nodo propongo un'ipotesi: la letteratura consiste nell'arte scritta. Tutti i romanzi le appartengono.

[...]La letteratura è suddivisa in molti generi [...] alcune categorie sono descrittive, altre sono strumenti di marketing. Alcune sono vecchie, altre nuove, altre ancora effimere. I generi esistono, le forme e i diversi tipi di narrativa esistono e bisogna comprenderli: ma nessun genere è di per sé superiore o inferiore ad altri. Questo rende lo snobismo puritano di piaceri "alti" e "bassi" del tutto irrilevante e molto difficile da difendere."

Leggi tutto: Le Guin’s Hypothesis

comments powered by Disqus