Speciale!


Bruce Sterling «L'editoria nazionale non mi pubblica. Anzi: mi nasconde.»

28 Jan 2013 in 40k originals, idee trovate in giro | questo post è lungo 305 parole

Un'intervista a più mani a Bruce Sterling in occasione dell'uscita del suo ultimo romanzo, L'amore è strano: Cory Doctorow, Ted Striphas, Paul Di Filippo, Giuseppe Granieri, Richard Nash e molti altri hanno contribuito con domande sui trend, il futuro, la scrittura, la fantascienza.

La traduzione dell'intervista originale inglese è stata pubblicata venerdì su La Stampa.

«Ted Striphas: Hai cambiato stile o contenuti alla luce dei nuovi strumenti digitali di produzione, distribuzione e comunicazione per i libri e la scrittura? Se sì, come e con quali conseguenze?

Direi che la mia carriera di scrittore ha sempre fatto i conti con questo problema sin dal 1980. Scrivo moltissimo in digitale, "scritture" che hanno poco o niente a che fare con i "libri". È difficile dire quali siano le conseguenze, ma posso provarci. In tutta onestà penso che la mia prosa sia peggiorata, perché non ho mai la possibilità di padroneggiare in pieno i mezzi attraverso cui mi esprimo. Ma allo stesso tempo mi ha permesso di diventare flessibile e vigile in altri sensi. È simile all'effetto della musica digitale sui musicisti contemporanei: possono fare un sacco di suoni strani e più veloci, ma questo non fa di loro dei virtuosi.

Il mio lavoro è cambiato in modo profondo quando ho realizzato che potevo raggiungere un pubblico globale attraverso Internet, malgrado il sistema editoriale mi limitasse nel fare lo stesso dal punto di vista legale. La mancanza di un mercato del libro globale ha ridotto di molto il mio interesse nel pubblicare dei libri. Il sistema basato sui confini nazionali non mi "pubblica". Anzi: mi nasconde. Questo succede soprattutto agli autori al di fuori del mercato anglofono: ne conosco diversi e sono diventato molto sensibile ai loro problemi. È uno degli aspetti più macroscopici della globalizzazione. »

Leggi tutto: Bruce Sterling: “Ci salverà l'ingenuità” Il romanzo: L'amore è strano

comments powered by Disqus